Bambini in piscina: un occhio di riguardo alla sicurezza

Non c’è nulla che renda più felice un bambino di un tuffo in una bella piscina blu dall’acqua cristallina. I più piccoli letteralmente impazziscono di gioia quando si tratta di sguazzare e giocare in piscina. D’altronde, stare a mollo in acqua è la soluzione ideale per trascorrere i caldi pomeriggi afosi in compagnia di amici e famiglia, all’aria aperta, ma allo stesso tempo rinfrescandosi.

Tuttavia anche in un posto tranquillo e privo di pericoli com’è il giardino di casa, possono accadere incidenti e qualcuno può finire per farsi male. Ecco perché quando si tratta di sicurezza è sempre meglio prevenire e pensare in anticipo ai rischi più frequenti per poterli evitare. Soprattutto se hai dei bambini piccoli, l’attenzione non è mai troppa!

piscine bambini sicurezza

Con gli accessori giusti la tua piscina diventa un luogo davvero sicuro

Secondo recenti indagini, la percentuale di incidenti nelle strutture private è notevolmente aumentata negli ultimi anni. I più piccoli hanno tantissime energie, giocano, corrono e si nascondono senza sosta, e talvolta è difficile seguirli ogni momento, così non è raro che qualcuno faccia un tuffo imprevisto o una brutta scivolata.

Il primo passo per evitare spiacevoli incidenti è quello di prevenirli dotando l’impianto degli accessori giusti (reperibili su siti di settore tipo busatta.it):

  1. Barriere e recinzioni, si istallano lungo il perimetro dell’impianto e sono facili da smontare e montare, possono essere personalizzate a seconda della forma della piscina e costituiscono una valida protezione. Se la struttura viene recintata, il bambino non può oltrepassare il bordo vasca e cadere accidentalmente in acqua mentre sta correndo o giocando.
  2. Coperture, importanti per proteggere l’impianto, per tenere lontana la sporcizia e per non disperdere calore, le coperture sono anche un accessorio fondamentale per la sicurezza. Esistono, infatti, dei modelli rigidi in vetro, alluminio o plexiglass, oppure morbidi in pvc rinforzato che riescono a reggere il peso di una persona adulta senza cedere.
  3. Allarmi, che permettono di segnalare appena qualcuno varca il perimetro della struttura, grazie ad un sofisticato sistema senza fili che viene impostato lungo tutto il bordo vasca.

Le buone norme del vivere in piscina

Gli accessori da soli non bastano però, se non sono accompagnati da alcune regole di buon comportamento. Una sorta di etichetta di cose che si possono e cose che non si possono fare assolutamente da stabilire tutti insieme. Alcune potrebbero essere:

  1. Prima di entrare e appena usciti dall’acqua, è giusto fare una doccia veloce per non inquinare la piscina con residui di creme e per eliminare le tracce di cloro.
  2. Per muoversi nell’area solarium è bene indossare le ciabatte di gomma, oltre ad essere una buona norma d’igiene, permettono di camminare più agevolmente sulle piastrelle bagnate.
  3. Non si potrebbe entrare in acqua se non sono trascorse almeno un paio d’ore dalla fine del pasto.
  4. Non si può giocare vicino al bordo vasca. Se vogliono correre o lanciarsi la palla, invitali ad andare sul prato.

Ricordati, infine, di non perdere mai di vista i tuoi bambini mentre si stanno divertendo in piscina. La sicurezza è fondamentale per poter trascorrere momenti di relax e divertimento, non sottovalutarla quindi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *